SORCERER

Caricamento Eventi
Questo evento è passato.

9 novembre 2018 ore 21.00 / Cinema Teatro Alcione

(Il salario della paura, USA, 1977, 121’)

Regia: Ana Asensio
Sceneggiatura: Ana Asensio
Fotografia: Noah Greenberg
Montaggio: Carl Ambrose, Francisco Bello
Musica: Jeffery Alan Jones
Interpreti: Ana Asensio (Luciana), Natasha Romanova (Olga), David Little (dottor Horowitz), Nicholas Tucci (Niko), Larry Fessenden (Rudy), Caprice Benedetti (Vanessa), Anna Myrha (Nadia), Ami Sheth (Benedita), Miriam A. Hyman (Bikie), Sara Visser (Katarin), Natalia Zvereva (Ewa), Sorika Horng (Mai), Fenella A. Chudoba (Alina), David Serero (Dominic)Regia: William Friedkin
Sceneggiatura: Walon Green (dal romanzo Il salario della paura di Georges Arnaud)
Fotografia: John M. Stephens, Dick Bush
Montaggio: Bud Smith, Robert K. Lamber
Musica: Tangerine Dream
Interpreti: Roy Scheider (Jackie Scanlon/Juan Dominguez), Bruno Cremer (Victor Manzon/Serrano), Francisco
Rabal (Nilo), Amidou (Kassem/Martinez), Ramon Bieri (Charles Corlette), Karl John (Angelmann/Marquez), Randy Jurgensen (Vinnie)

Nonostante William Friedkin lo abbia definito “il mio preferito fra tutti i film che ho fatto e l’unico che riesco
a riguardare senza problemi perché ogni dettaglio è esattamente come lo volevo”, Sorcerer fu realizzato al prezzo
di un costosissimo ed estenuante viaggio all’inferno (le riprese si svolsero nella Repubblica Dominicana fra mille
difficoltà ambientali e atmosferiche), paragonabile alla lavorazione di Apocalypse Now di Francis Ford Coppola (1979).
Ma per la pellicola di Friedkin non ci furono né Oscar, né incassi riparatori, a causa della concomitanza con Guerre
stellari (1977). Tale fiasco frantumò il rapporto fra il regista (sino ad allora pupillo di Hollywood grazie ai successi de Il braccio violento della legge, 1971 e L’esorcista, 1973) e gli studios, portando Friedkin a ingrossare la triste fila degli
outsider di talento, guardati con sospetto dalle major perché ingestibili e rischiosi al botteghino.
L’odissea dei cinque (poi quattro) criminali di diverse nazionalità (rifugiatisi in America Latina), che accettano una
missione impossibile (trasportare attraverso la giungla un carico di esplosivo instabile su due camion, il Sorcerer e il
Lazaro) in cambio di un nuovo passaporto e 10.000 dollari, è stata riscoperta nel tempo grazie al passaparola, ma il
merito di aver fatto risorgere in tutta la sua gloria la seconda versione del libro di Georges Arnaud Il salario della paura (la prima, Vite vendute, la firmò Henri-Georges Clouzot nel 1953) va a questo magnifico restauro.

PREZZI:
Intero € 6,00
Ridotto € 4,00
(under 26, over 60, abbonati cineforum Alcione, Cral Comune di Verona)
Tessera per 5 film € 20,00

I film sono presentati in versione originale con sottotitoli in italiano
Le proiezioni sono riservate ai maggiori di 18 anni

Informazioni e contatti:

Verona Film Festival
Via Leoncino 6- 37121 Verona
tel 045 8005348 – fax 045 593762
ilpiaceredegliocchi.comune.verona.it